Eudaimonia e protrettica socratica in Platone, Senofonte ed Eschine: rendere migliori gli altri per essere felici?