Impensabilità, infilmabilità? La rivoluzione haitiana sullo schermo