In cammino verso un tu: su Zanzotto e Celan