La cura nel tempo del “covid”