Gabriele Soderini e una ignota memoria sul Regno di Danimarca e Norvegia della prima metà del Settecento