Mediare l’incommensurabile. Note sul rapporto tra filosofia e traduzione