Recensione a: Anna Maria Raugei, Gian Vincenzo Pinelli e la sua biblioteca