Il saggio mostra come la rappresentazione del paesaggio di guerra nell'opera gaddiana risponda a complesse dinamiche narrative e psicologiche, variamente modulate a seconda del genere letterario. La descrizione paesaggistica nella Meccanica e nel Castello e la sua frammentazione in altri testi gaddiani fanno infatti scorgere in controluce la continua emersione del trauma bellico, ma anche la pregnanza semantica ed esistenziale dello stesso elemento paesaggistico.

Persistenza e rappresentazione del trauma bellico: il “caso Gadda”

Giulia Perosa
2019

Abstract

Il saggio mostra come la rappresentazione del paesaggio di guerra nell'opera gaddiana risponda a complesse dinamiche narrative e psicologiche, variamente modulate a seconda del genere letterario. La descrizione paesaggistica nella Meccanica e nel Castello e la sua frammentazione in altri testi gaddiani fanno infatti scorgere in controluce la continua emersione del trauma bellico, ma anche la pregnanza semantica ed esistenziale dello stesso elemento paesaggistico.
Gadda, Paesaggio, Grande Guerra, Trauma
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1026147
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact