Ancora sulla riproduzione dei beni culturali