Calogero, Gentile, e le contraddizioni della storia italiana