L’artefatta spontaneità: alcune considerazioni sullo skaz e sul suo ruolo nel rapporto autore-narratore-lettore