La regolazione europea della insolvenza transnazionale tra autonomia ed eteronomia: il c.d. “'impegno” ad evitare la procedura secondaria