Nel corso degli ultimi dieci anni, la “guerra al terrore” ha ispirato dozzine di film e di documentari. Quasi ogni mese giunge nelle sale una nuova disamina cinematografica dei metodi adottati per combattere un conflitto apparentemente infinito contro un nemico imprecisato. Diversi registi hanno affrontato temi come la tortura, il controterrorismo e gli attacchi con i droni, mentre altri si sono soffermati sui costi fisici e psicologici imposti ai soldati americani dalla partecipazione ripetuta a nuove missioni.

Calling the Shots: American Sniper, cinema populista e guerre impopolari

Dora Renna
2016

Abstract

Nel corso degli ultimi dieci anni, la “guerra al terrore” ha ispirato dozzine di film e di documentari. Quasi ogni mese giunge nelle sale una nuova disamina cinematografica dei metodi adottati per combattere un conflitto apparentemente infinito contro un nemico imprecisato. Diversi registi hanno affrontato temi come la tortura, il controterrorismo e gli attacchi con i droni, mentre altri si sono soffermati sui costi fisici e psicologici imposti ai soldati americani dalla partecipazione ripetuta a nuove missioni.
American Sniper, guerra, cinema, terrorismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1000345
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact