Come ripensare la “Grounded Theory” in chiave visuale?