Il presente saggio si concentra sul rapporto tra melodramma e film, analizzare un caso specifico di messa in video di un’opera: Carmen di Francesco Rosi (1984). Il saggio inizia discutendo il rapporto tra due linguaggi (filmico e operistico), tradizionalemente considerati antitetici; indaga poi il film-opera di Rosi, collocandolo nella storia della fortuna cinematografica dell’opera di Bizet, e soffermandosi sull’analisi di alcune sequenze particolarmente significative per comprendere l’operazione compiuta da Rosi (innanzitutto il Duetto Micaela-Don José del I Atto).

Filmare l'opera senza filmare il canto: la "Carmen" di Francesco Rosi

Vincenzo Borghetti
2019-01-01

Abstract

Il presente saggio si concentra sul rapporto tra melodramma e film, analizzare un caso specifico di messa in video di un’opera: Carmen di Francesco Rosi (1984). Il saggio inizia discutendo il rapporto tra due linguaggi (filmico e operistico), tradizionalemente considerati antitetici; indaga poi il film-opera di Rosi, collocandolo nella storia della fortuna cinematografica dell’opera di Bizet, e soffermandosi sull’analisi di alcune sequenze particolarmente significative per comprendere l’operazione compiuta da Rosi (innanzitutto il Duetto Micaela-Don José del I Atto).
9788857548791
Francesco Rosi, Carmen, film-opera, opera in video
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Filmare l'opera senza filmare il canto Borghetti.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 1.38 MB
Formato Adobe PDF
1.38 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/992918
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact