La specialità regionale tra asistematicità e rischi (invisibili?)