Polimorfia della verità e pluralità di vie. La risposta di Simone Weil per uno storico delle religioni