Rabelais in the episode of the 'Tiers livre' whose main character is judge Bridoye presents a paradoxical situation to highlight the harm done by justice based on exaggerated formalism and an end to itself and not on seeking truth and an equitable solution in trials. Accused of having delivered an erroneous judgement, Bridoye candidly confesses that in his long career he has always decided cases by throwing dice and claims that this complies perfectly with the law. In his formalistic conception, what counts is reliance on Roman laws and the jurists’ opinions, continually quoted inappropriately and without understanding them. The result is an upside-down world, where justice and injustice are confused and it is impossible to foresee based on the law who is right and who is wrong. Literature thus indicates the principal fault of the legal system and the parody is a very effective means of demystification and criticism of the jurists’ world.

Rabelais nell’episodio del 'Tiers livre' che ha come protagonista il giudice Bridoye, mette in scena una situazione paradossale, per mettere in risalto i guasti di una giustizia basata sul formalismo esasperato e fine a sé stesso e non sulla ricerca della verità e della soluzione equa dei processi. Bridoye, infatti, accusato di aver emesso una sentenza sbagliata, confessa candidamente di avere sempre, nella sua lunga carriera, deciso le cause gettando i dadi e sostiene che tutto ciò è perfettamente conforme al diritto. Nella sua concezione formalistica ciò che conta è appoggiarsi sulle leggi romane e sulle opinioni dei giuristi, citate di continuo del tutto a sproposito e senza comprenderle. Ne deriva un mondo alla rovescia, dove giustizia e ingiustizia si confondono ed è impossibile prevedere sulla base del diritto chi ha ragione e chi ha torto. In questo modo la letteratura indica il difetto capitale del sistema giudiziario e la parodia si dimostra un mezzo efficacissimo di demistificazione e di critica del mondo dei giuristi.

'Alea iudiciorum'. Le sentenze (in)appellabili del giudice Bridoye

Rossi, Giovanni
2017-01-01

Abstract

Rabelais nell’episodio del 'Tiers livre' che ha come protagonista il giudice Bridoye, mette in scena una situazione paradossale, per mettere in risalto i guasti di una giustizia basata sul formalismo esasperato e fine a sé stesso e non sulla ricerca della verità e della soluzione equa dei processi. Bridoye, infatti, accusato di aver emesso una sentenza sbagliata, confessa candidamente di avere sempre, nella sua lunga carriera, deciso le cause gettando i dadi e sostiene che tutto ciò è perfettamente conforme al diritto. Nella sua concezione formalistica ciò che conta è appoggiarsi sulle leggi romane e sulle opinioni dei giuristi, citate di continuo del tutto a sproposito e senza comprenderle. Ne deriva un mondo alla rovescia, dove giustizia e ingiustizia si confondono ed è impossibile prevedere sulla base del diritto chi ha ragione e chi ha torto. In questo modo la letteratura indica il difetto capitale del sistema giudiziario e la parodia si dimostra un mezzo efficacissimo di demistificazione e di critica del mondo dei giuristi.
978-88-495-3455-9
Rabelais, Bridoye, trial, legal humanism, sentence
Rabelais, Bridoye, processo, umanesimo giuridico, sentenza
Rabelais in the episode of the 'Tiers livre' whose main character is judge Bridoye presents a paradoxical situation to highlight the harm done by justice based on exaggerated formalism and an end to itself and not on seeking truth and an equitable solution in trials. Accused of having delivered an erroneous judgement, Bridoye candidly confesses that in his long career he has always decided cases by throwing dice and claims that this complies perfectly with the law. In his formalistic conception, what counts is reliance on Roman laws and the jurists’ opinions, continually quoted inappropriately and without understanding them. The result is an upside-down world, where justice and injustice are confused and it is impossible to foresee based on the law who is right and who is wrong. Literature thus indicates the principal fault of the legal system and the parody is a very effective means of demystification and criticism of the jurists’ world.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/974120
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact