"Dialogo", "tensione" e supra-majoritarian difficulty: per una lettura dei rapporti tra giurisdizione costituzionale e potere democraticamente legittimato