Il volume svolge una ricostruzione della natura polimorfica dell’informazione giornalistica. L’eterogeneità del fenomeno informativo, dal punto di vista politico-costituzionale, è indagata ricorrendo a due fattori: il tipo di mezzo di diffusione delle informazioni e, alla luce di questo, la natura giuridica dell’informazione. Infatti, i concetti giuridici di informazione mutano a seconda del mezzo di diffusione delle notizie. A seconda del mezzo di diffusione, preso in esame in relazione alla sua capacità, più o meno penetrante, di formare il consenso nella società, abbiamo un’informazione giornalistica che può collocarsi nell’area del diritto individuale di libertà o della funzione. Il potere, invece, a seconda dei casi e dei mezzi si traduce in libertà per legittimarsi o in funzione, quando deve essere oggetto di regolazione e, soprattutto, di delimitazione. La collocazione dell’informazione in una delle suddette aree ha anche conseguenze sulla posizione degli utenti dell’informazione che, in base al mezzo che diffonde loro informazioni, possono essere titolari o di una mera libertà a non essere legalmente impediti nel ricevere notizie o di un vero e proprio diritto ad essere informati.

L'informazione giornalistica tra libertà, potere e servizio

D. Butturini
2018-01-01

Abstract

Il volume svolge una ricostruzione della natura polimorfica dell’informazione giornalistica. L’eterogeneità del fenomeno informativo, dal punto di vista politico-costituzionale, è indagata ricorrendo a due fattori: il tipo di mezzo di diffusione delle informazioni e, alla luce di questo, la natura giuridica dell’informazione. Infatti, i concetti giuridici di informazione mutano a seconda del mezzo di diffusione delle notizie. A seconda del mezzo di diffusione, preso in esame in relazione alla sua capacità, più o meno penetrante, di formare il consenso nella società, abbiamo un’informazione giornalistica che può collocarsi nell’area del diritto individuale di libertà o della funzione. Il potere, invece, a seconda dei casi e dei mezzi si traduce in libertà per legittimarsi o in funzione, quando deve essere oggetto di regolazione e, soprattutto, di delimitazione. La collocazione dell’informazione in una delle suddette aree ha anche conseguenze sulla posizione degli utenti dell’informazione che, in base al mezzo che diffonde loro informazioni, possono essere titolari o di una mera libertà a non essere legalmente impediti nel ricevere notizie o di un vero e proprio diritto ad essere informati.
978-88-95922-96-6
Informazione, giornalismo, libertà, potere, funzione, servizio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/972101
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact