Il caso Taricco: una fuga in avanti?