La Suprema Corte precisa che l'infondatezza della prospettazione in iure può dar luogo a una condanna ai sensi dell'art. 96, comma 3, cod. proc. civ.