Il saggio analizza quali pezzi antichi e in che modo essi poterono essere rielaborati da Paolo Veronese nel corso della sua carriera: il pittore si ispirò frequentemente a reperti antichi (statue, sarcofagi, etc.) per elaborare alcune pose; in alcun casi, però, il recupero venne mediato da precedenti studi (ad esempio di Raffaello e della sua cerchia) che, a loro volta, potevano essere noti direttamente o attraverso stampe, incisioni, etc.

Veronese e l'arte classica: riletture antiche e moderne

ZAMPERINI, Alessandra
2016-01-01

Abstract

Il saggio analizza quali pezzi antichi e in che modo essi poterono essere rielaborati da Paolo Veronese nel corso della sua carriera: il pittore si ispirò frequentemente a reperti antichi (statue, sarcofagi, etc.) per elaborare alcune pose; in alcun casi, però, il recupero venne mediato da precedenti studi (ad esempio di Raffaello e della sua cerchia) che, a loro volta, potevano essere noti direttamente o attraverso stampe, incisioni, etc.
9788895598536
recupero dell'antico
Raffaello
Roma
Venezia
Grimani
Firenze
Gonzaga
Paolo Veronese
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Veronese_Antico.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 7.03 MB
Formato Adobe PDF
7.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/956659
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact