Richard Bentley e la filologia come arte della congettura