In margine ad una lettura delle lezioni manoscritte di storia moderna di Carlo Cipolla