In margine ad una lettura del "Cours" paretiano