Elogio della vertigine o guerra senza fine