Ragioni per «un compito infinito»: considerazioni introduttive