Un percorso trasversale dalla pittura italiana quattrocentesca a quella di Henri Rousseau alla ricerca di una linea dell'arcaismo che sotteraneamente procede nell'arte europea, riemergendo nella seconda metà del Settecento e nella pittura di gusto biedermeier, fino ad approdare nel cosiddetto "candore arcaico" di Rousseau, ma anche di altri pittori del primo novecento come Carrà e Garbari

L'età dell'innocenza. Uno “sguardo incantato” come sentiero di confine tra realtà e sogno

Terraroli, Valerio
2015-01-01

Abstract

Un percorso trasversale dalla pittura italiana quattrocentesca a quella di Henri Rousseau alla ricerca di una linea dell'arcaismo che sotteraneamente procede nell'arte europea, riemergendo nella seconda metà del Settecento e nella pittura di gusto biedermeier, fino ad approdare nel cosiddetto "candore arcaico" di Rousseau, ma anche di altri pittori del primo novecento come Carrà e Garbari
978-88-6648-244-4
Rousseau, pittura Ottocento, pittura novecento, arcaismo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
28-41_terraroli.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 889.5 kB
Formato Adobe PDF
889.5 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/930309
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact