Proudhon e la cultura economica italiana degli anni '30. Un corto circuito inatteso?