Assurdo, scrittura e soggetto. Un confronto fra Albert Camus e Jacques Derrida