Esistono differenze significative, sul piano teorico, tra un documentario su un filosofo dove questi espone la propria filosofia e un testo scritto dove il filosofo espone la propria filosofia? Il saggio approfondisce alcuni nodi di tale questione, insistendo su figure quali “auto-rappresentazione”, “co-autorialità” e sul concetto di corpo come limite della rappresentazione filosofica (in senso teoretico e anche morale).

Testualità ibrida del docu-film. Il limite della rappresentazione

PELGREFFI, Igor
2013-01-01

Abstract

Esistono differenze significative, sul piano teorico, tra un documentario su un filosofo dove questi espone la propria filosofia e un testo scritto dove il filosofo espone la propria filosofia? Il saggio approfondisce alcuni nodi di tale questione, insistendo su figure quali “auto-rappresentazione”, “co-autorialità” e sul concetto di corpo come limite della rappresentazione filosofica (in senso teoretico e anche morale).
9788891123671
Docu-film, auto-rappresentazione, narrazione, documentare, Derrida, riflessione della propria immagine filosofica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/927186
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact