Riflessioni sui rapporti tra teatro e filosofia, in particolare sul concetto di performance applicata al caso di un filosofo che recita la parte di se stesso in un documentario filmato. Automatismo (l’attore che impara a fingere; tale è la sua ‘verità’ scenica) e la costruzione del discorso filosofico.

Complessità della performance e autoriflessione. Jacques Derrida attore di se stesso

PELGREFFI, Igor
2012-01-01

Abstract

Riflessioni sui rapporti tra teatro e filosofia, in particolare sul concetto di performance applicata al caso di un filosofo che recita la parte di se stesso in un documentario filmato. Automatismo (l’attore che impara a fingere; tale è la sua ‘verità’ scenica) e la costruzione del discorso filosofico.
9788878706323
teatro e filosofia, bios e automatismo, soggetto, ambiguità fenomenologia, Derrida attore, neuroscienze
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/927137
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact