Gio Ponti e l'”amore dell'antichità"