Degli «esatti e sugosi rapporti». Cenni sulla figura del segretario-redattore dei «Commentari»