La donna «degna custode del focolare e della patria»