“Un mondo supremamente vestito”: note sulla semantica dell’abbigliamento nella pittura di Veronese