L'articolo tratta del rapporto tra sacertà e processo criminale romano (regio e comiziale), soprattutto concentrandosi sul presunto mutamento di regime che il precetto de capite civis avrebbe introdotto anche con riguardo alla libera uccidibilità dell'homo sacer. Una nuova interpretazione della voce festina 'sacer mons' conclude lo studio.

Sacertà e garanzie processuali in età regia e proto-repubblicana

PELLOSO, Carlo
2013

Abstract

L'articolo tratta del rapporto tra sacertà e processo criminale romano (regio e comiziale), soprattutto concentrandosi sul presunto mutamento di regime che il precetto de capite civis avrebbe introdotto anche con riguardo alla libera uccidibilità dell'homo sacer. Una nuova interpretazione della voce festina 'sacer mons' conclude lo studio.
9788824322980
homo sacer; diritto criminale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/785565
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact