Lo studio della malattia residua minima mediante RT-PCR nel sangue periferico può rappresentare uno strumento valido e non invasivo per la valutazione della risposta alla terapia: un caso clinico