Discriminazione diretta vietata e rapporto contrattuale