Adriano Cecioni, Garibaldi, Firenze, collezione Manetti Gonnelli