La persistenza del mito. La cetra di Orfeo e la poesia di Pascoli