Tra Wittgenstein e Vico. Per una teoria del linguaggio in «Finnegans Wake»