Le immagini elettroniche interrogano il concetto tradizionale di autorialità, lo corrodono, ampliando le frontiere della rappresentazione dell’era digitale. Siamo sovraccaricati da un surplus di informazioni sempre accessibili, e ciò non fa altro che alimentare la collettiva sensazione di non avere mai sufficiente tempo a disposizione, creando un sentimento di frustrazione permanente. L’accumulazione di dispositivi elettronici carichi di informazioni è diventata il nuovo tabù culturale, tuttavia se ancora riusciamo a perderci e “vedere e sentire ciò che di solito ignoriamo e da cui siamo immuni”, allora l’arte non ha perso la propria forza creatrice.

Matthew Watkins. Dipingere è amare ancora. E ancora e ancora e ancora…

TANSELLA, Carole
2013

Abstract

Le immagini elettroniche interrogano il concetto tradizionale di autorialità, lo corrodono, ampliando le frontiere della rappresentazione dell’era digitale. Siamo sovraccaricati da un surplus di informazioni sempre accessibili, e ciò non fa altro che alimentare la collettiva sensazione di non avere mai sufficiente tempo a disposizione, creando un sentimento di frustrazione permanente. L’accumulazione di dispositivi elettronici carichi di informazioni è diventata il nuovo tabù culturale, tuttavia se ancora riusciamo a perderci e “vedere e sentire ciò che di solito ignoriamo e da cui siamo immuni”, allora l’arte non ha perso la propria forza creatrice.
"fotografia digitale"; Arte Contemporanea; New media; pittura digitale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/652566
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact