La via italiana al gusto moderno tra nostalgia del passato e accellerazioni creative: 1920-1950