Un paesaggio «più vero del vero»