Le "storie senza parole" del cervello come premesse alla narratività umana