Nel nome del male: scrittura e ‘sida’