Il saggio analizza tre opere teatrali del primo Ottocento (un libretto d'opera di Giuseppe Palomba e due drammi di Giovan Carlo Cosenza) centrati sulla figura del vampiro. Al di là dell'analisi dei singoli intrecci e del modo in cui in ciascuno il tema fantastico viene declinato, il saggio mette in luce i punti in comune: il pamphlet antisuperstizioso di Giuseppe Davanzati come condivisa fonte d'ispirazione, e l'atteggiamento di dissipazione critica del motivo fantastico ottenuta per via comica o attraverso lo scioglimento razionale della vicenda, che smaschera gli equivoci che hanno prodotto il momentaneo trionfo della superstizione.

"Un cadavere, ho timore, ch'oggi affé mi mangerà": vampiri nel teatro italiano del primo Ottocento

PASQUALICCHIO, Nicola
2013

Abstract

Il saggio analizza tre opere teatrali del primo Ottocento (un libretto d'opera di Giuseppe Palomba e due drammi di Giovan Carlo Cosenza) centrati sulla figura del vampiro. Al di là dell'analisi dei singoli intrecci e del modo in cui in ciascuno il tema fantastico viene declinato, il saggio mette in luce i punti in comune: il pamphlet antisuperstizioso di Giuseppe Davanzati come condivisa fonte d'ispirazione, e l'atteggiamento di dissipazione critica del motivo fantastico ottenuta per via comica o attraverso lo scioglimento razionale della vicenda, che smaschera gli equivoci che hanno prodotto il momentaneo trionfo della superstizione.
9788878708686
vampiri nel teatro italiano; Giuseppe Palomba; Giovan Carlo Cosenza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/625574
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact