"Un cadavere, ho timore, ch'oggi affé mi mangerà": vampiri nel teatro italiano del primo Ottocento