La vita spettacolare come moderno dispotismo dell'osceno: il caso italiano